Il Progetto CASA IMPRESA - Per i GIOVANI

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaE-mail

Giovani

"Tra vent'anni sarai molto piĂą dispiaciuto per le cose che NON hai fatto, che per quelle che hai fatto. Quindi via di bolina e lascia il porto. Apri le tue vele al vento. Esplora. SOGNA." Mark Twain

"Ogni giorno che passa è un giorno in meno a disposizione per raggiungere le proprie mete" Anonimo


Non è facile dare una definizione di GIOVANE. Per molti si tratta di una mera questione d’età, per altri di uno stato mentale indipendente dall’anagrafe. Per tutti un giovane è una persona che ha il pieno diritto (e forse anche l’obbligo morale) di sognare, di mettersi alla prova, di sperimentare, di sbagliare e di fare esperienza.

La gioventù viene da tutti descritta come il periodo più bello della vita... e a sentire gli "anziani” il loro sogno sarebbe quello di tornare giovani per poter fare tutte quelle cose che da giovani non hanno avuto il coraggio, o la possibilità, di fare.

Eppure essere giovani oggi, nell'attuale contesto socio-economico, non è cosa semplice. Tra i problemi maggiori c'è sicuramente il LAVORO. Da tempo, il lavoro a cui un giovane può aspirare, una volta terminato il periodo di formazione, assomiglia sempre di più ad una forma di sfruttamento legalizzato, su cui non è certo possibile costruirsi una propria vita e una propria indipendenza economica.

PRECARIETA' è la parola d’ordine. Ed anche nei casi più fortunati, quando si riesce ad entrare in una “buona azienda”, il ridotto ricambio generazionale che caratterizza il nostro paese, e la struttura gerarchico-piramidale tipica delle aziende "tradizionali", condizionano la "carriera" ad una lunghissima gavetta e obbligano ad una strenua lotta contro tutto e contro tutti per poter “emergere” e migliorare la propria posizione.

Di crearsi una FAMIGLIA poi neanche a parlarne: è un’impresa ancor più ardua che cercare un lavoro, comporta dei sacrifici spropositati. Chi lo fa viene visto come un folle che si è “rovinato la vita”, qualcuno da compatire più che da imitare. I sistemi di tutela sociale sono praticamente inesistenti, mentre la vita si fa sempre più cara... e così spesso si finisce o per "espatriare" (alla ricerca di migliori condizioni lavorative, che poi non sempre si concretizzano) o per a rimanere a casa fino ai 30-35 anni (se non oltre), diventando un peso per i propri genitori ed incarnando il ruolo, tanto di moda in questi ultimi anni, di “bamboccione”.

Però va pur detto che non tutte le colpe sono attribuibili alla società e ai governi. A parlare con i giovani sembra che tutti desiderino il SUCCESSO, e la maggior parte è convinta che in un modo o nell’altro riuscirà a realizzare i propri SOGNI: basterà studiare, prendere dei buoni voti e cercare un buon lavoro... purtroppo, però, quando la realtà arriva a svegliarli è sempre troppo tardi.

Sono pochi quelli che si rendono conto che l’unico modo per avere veramente successo nella vita è quello di definire chiaramente i propri SOGNI ed AGIRE per far si che si trasformino in realtà!

UN PERCORSO NON TRADIZIONALE

L’organizzazione LC2 Global Dream condivide proprio questa filosofia: nella vita, se si vuole avere successo, è fondamentale agire in maniera proattiva, cioè impegnandosi per risolvere i problemi prima che si presentino!


E il progetto CASA-IMPRESA è a nostro parere un’OPPORTUNITA', concreta e sperimentata, che un giovane dovrebbe valutare con estrema attenzione, come possibilità per risolvere in tempi ragionevolmente brevi il problema economico, e come occasione per acquisire quelle abilità che il sistema scolastico (purtroppo) trascura: una mentalità imprenditoriale, la capacità di pianificare il proprio lavoro e di lavorare in squadra costruendo il proprio successo sul successo degli altri, un atteggiamento positivo di fronte ai problemi e alla vita in generale.

A prescindere da titoli di studio ed esperienze precedenti, il progetto CASA-IMPRESA - mediante un lavoro di squadra e con il supporto di un'organizzazione - consente, a tutti i giovani che abbiano voglia di emergere, di fare impresa senza necessità di investire capitali (che spesso non sono disponibili!) e senza assumere rischi economici, con la possibilità di formarsi “on the job” e di cominciare a guadagnare fin da subito.

Il progetto si può sviluppare sia se si vive ancora a casa con i propri genitori (e in questo caso può trasformarsi in una bella avventura da fare insieme con la propria famiglia), sia se si è già impegnati nella faticosa costruzione della propria casa.

Infine, per un giovane, un ulteriore e forse fondamentale stimolo ad intraprendere il progetto CASA-IMPRESA potrebbe venire dalla consapevolezza che avendo successo fin da giovane in un progetto imprenditoriale di questo tipo si potrebbe correre il “rischio” di ritrovarsi economicamente liberi, e quindi nella condizione di non dover rinunciare ai propri sogni per la necessità di guadagnarsi da vivere con il proprio lavoro. Questo non vuol dire non lavorare più per tutta la vita, ma semplicemente avere la possibilità di lavorare per PASSIONE, per un ideale o per contribuire a realizzare qualcosa di positivo per se stessi e per la collettività, senza “l’angoscia del guadagno”...

Vivere appieno la propria vita, per non ritrovarsi inconsapevolmente imprigionati nel PERCORSO "TRADIZIONALE": svegliarsi presto tutte le mattine, lavorare  8-12 ore al giorno per realizzare i sogni di qualcun altro, in molti casi senza la certezza di arrivare tranquillamente a fine mese e senza la possibilitĂ  di costruirsi un futuro solido per se e per la propria famiglia. In ogni caso con la certezza di dover scambiare la parte piĂą importante della vita semplicemente per DENARO, poco o tanto che sia.

Gruppo

E’ però importante, specialmente per i giovani, la TEMPESTIVITA', decidere rapidamente, senza rinviare il  momento dell'AZIONE. Quando si è giovani ci si illude che il tempo a disposizione sia infinito, e invece il tempo vola via, senza che ce ne rendiamo conto. Rinviando e aspettando condizioni migliori o il momento opportuno, si corre il rischio di perdere il VANTAGGIO COMPETITIVO derivante dalla giovane etĂ , e di ritrovarsi come il 90% degli “adulti” di oggi: incastrati in una rincorsa continua al tempo e al denaro... con i propri sogni impolverati e chiusi a chiave in un cassetto!

"Ogni giorno che passa è un giorno in meno a disposizione per raggiungere le nostre mete"